Reason 6 by Propellerheads

Finalmente la svedese Propellerhead ha fatto il grande passo: entrare nel mondo dei sequencer audio/midi, ma col motore di Reason!

La versione Reason 6 non è un semplice aggiornamento. Dalla versione 6, Record e Reason cessano di essere entità distinte e si fondono in un’unica potente piattaforma.
Per chi non conosce il prodotto, si tratta di una soluzione di sequencing audio/midi con generazione sonora ed effettistica integrata che sorprende anche utenti Logic/Cubase ed in parte Protools.

Prime impressioni

Personalmente ho notato una grande stabilità del sistema, un software che non “clippa” nel mezzo di una frase per overload, ma che calcola il carico totale prima del play, rifiutandosi addirittura di eseguire la song se ritiene che questo sia eccessivo. La qualità di alcune funzioni – in realtà già dalla versione precedente – è sbalorditiva! Il time stretching non distruttivo sull’audio, ad esempio, è superiore a qualsiasi altro abbia ascoltato fino ad oggi (elastic audio, a flex time…) e non è solo un mio parere. Basta modificare il bpm della song e tutto si adatta perfettamente. Se una parte è fuori tempo basta “tirarla” da un lato e magicamente segue il metronomo. Stessa semplicità e pulizia anche per l’audio transpose: un click e la tonalità è sistemata in maniera incredibilmente non distruttiva.

VST e Rewire
Fedele alla sua tradizione, il sistema non è compatibile con plugins e strumenti VST, ma si può utilizzare in altri ambienti tramite rewire – che da questa versione è 64bit come il software. I suoni e gli effetti vanno quindi ricercati nelle (sconfinate) librerie di Reason. La mancanza di VST è compensata dalla stabilità: infatti, un sistema che utilizza solo i propri moduli proprietari evita di incappare in bug di terze parti. Il rewire è comunque una soluzione che accontenta anche i più esigenti.

Installazione

L’installazione è relativamente semplice. L’unica difficoltà consiste nel dover creare un account sul sito e registrare il prodotto, altrimenti funzionerà solo in modalità demo (aprendo quindi soltanto i file demo). Una volta effettuata la registrazione arriva un’email di conferma che rende operativo il prodotto.

Vediamo qualche novità in dettaglio.

Mixer

Il mixer è modellato su una console Solid State Logic 9000K, emulando channel strip e sezione master analogica. Il punto di forza è Master Bus Compressor , che riproduce il leggendario processore di dinamica utilizzato negli studi di tutto il mondo. Finalmente un mixer che “suona”, un’equalizzazione che funziona e un tocco analogico che non guasta mai. Graficamente parlando, anche su monitor piccoli si ottiene una visualizzazione completa ed efficace (come per il 13,3’’ sul quale spesso lavora il sottoscritto!) .

 

Neptune

L’avevo già visto in Record: è il tool che gestisce l’intonazione, per esempio, di una voce o di uno strumento monofonico. Molto semplice e molto efficace. Neptune è però non solo un pitch adjuster, ma anche un audio transposer e un voice synth funzionanti in tempo reale.
Il voice synt crea in realtime o su traccia preregistrata nuove armonie basate sulla traccia di voce esistente, utilizzando una traccia midi pilota.

Alligator

Che dire di un effetto che prende un loop, lo splitta su 3 canali, ci inserisce filtri, cambia accenti realizzando praticamente un remix in tempo reale di un brano o di un ritmo? Fantastico! I 3 canali vengono processati separatamente con un gate dedicato ciascuno, pilotabile dai 64 pattern in dotazione, dal sequencer, dal Matrix o dall’RPG-8 o direttamente usando una tastiera MIDI.
I 3 canali sono poi fatti passare da un filtro che modella il suono e permette di dividerli per frequenza, modificando il sound. A questo punto il tutto viene fatto passare per la sezione Effetti, che permette un posizionamento – anche separato – su ogni banda, creando suoni davvero unici con delay sulle frequenze alte, distorsori sulle medie e riverbero sulle alte. Come ultimo step possiamo decidere la posizione nello spazio dei canali/frequenze utilizzando la sezione di PAN.

The Echo

E’ un delay che combina tecnologia moderna e suoni caldi degli eco a nastro.
Cito solo alcune delle innumerevoli funzioni offerte: ping pong, tempo sync, delay time, stereo width, pitch, infinite ripetizioni, possibilità di ridurre/incrementare le ripetizioni da left e right, sezione color che gestisce distorsione e filtri, modulation che controlla LFO e pitch, duck per abbassare il segnale effettato in presenza di segnale pulito.

Pulveriser

E’ un compressore “sporco” e distorto! “Polverizzare” tracce, questo è il suo motto! E’ un mix di distorsori, filtri, tremoli e variazioni sul genere in grado di sporcare qualsiasi suono, aggiungere calore ad un assolo di chitarra o dargli aggressività, insomma quello che serve per non far mancare ispirazione dal crunch al noise!

Cablaggio

Caratteristica di Reason è la possibilità di girare il rack effetti/strumenti col tasto TAB ed accedere al mondo dei cablaggi.
Possiamo quindi manualmente collegare l’impossibile, uscendo dagli schemi proposti, come se si trattasse di un sistema reale, collegando uscite di tracce ed effetti nelle entrate di altri e creando catene assolutamente originali.

Crack e keygen – la protezione

Per i “fuorilegge” e gli amanti del genere non è un caso che sul web non si trovino crack e keygen di Record e Reason 1.5 e successivi, nonostante la crescente richiesta nei forum (non sto lanciando sfide né istigando gli hacker!!).
La protezione è particolarmente efficace e funziona sia tramite la chiavetta usb (ignition key) in dotazione sia tramite internet. In pratica, se non abbiamo la chiavetta possiamo farci abilitare tramite internet. L’abilitazione viene richiesta ad ogni avvio del programma.
Se il software è installato su più macchine solo una per volta può chiedere l’abilitazione online, pena il blocco della licenza.

Valutazione generale

Davvero un bel prodotto, completo, stabile, affidabile. Mi aveva incuriosito durante una session live, poi mi ci sono avvicinato con un po’ di scetticismo, dopo anni di VST mi sembrava impossibile vivere senza. Alla fine ne sono rimasto positivamente sorpreso, lo utilizzo con piacere e con buoni risultati dove i Virtual instruments non mi sono proprio indispensabili.

Produttore:
Propellerheadwww.propellerheads.se
Distributore Italiano:
Midiware srlwww.midiware.it

Prezzo listino:
€ 370,00 + iva
versione Educational studenti e docenti
€ 271+ iva
versione Educational per scuole/conservatori
€ 207,50 + iva

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s